La piscina a sfioro, skimmer, tracimazione: differenze

Area dedicata a chi decide di realizzare un ambiente piscina

La piscina a sfioro, skimmer, tracimazione: differenze

Messaggioda laura leucci » mer 07 mar 2012, 18:30

La piscina a sfioro ha la caratteristica visiva di avere la griglia tutta intorno dove "sparisce" l'acqua.

DSC_4066 mail.JPG


la piscina a skimmer ha le caratteristiche "bocche" rettangolari che determinano il livello dell'acqua.

EPSN0004.jpg


La piscina a tracimazione è un ibrido tra lo skimmer e lo sfioro: generalmente solo su di un lato l'acqua "sparisce" nel vuoto.

La piscina a tracimazione è una piscina molto suggestiva che si crea, generalmente, quando ci sono delle differenze di quote nel terreno e si vuole dare l'impressione che ci sia continuità tra l'acqua della piscina e l'orizzonte.

tracimazione mail.png


Queste sono le differenze visive dei tre principali metodi di piscina.

Vediamo ora di fare un approfondimento piuttosto tecnico tra le varie tipologie.

La piscina a skimmer è il metodo più semplice: la pompa prende l'acqua dagli skimmer posizionati sulla superficie, dalla valvola di fondo (se prevista), l'acqua va nel filtro che viene filtrata e rimessa in piscina dalle bocchette di immissione che sono posizionate a parete (generalmente di fronte agli skimmer).

Il vuoto che esiste tra il pelo dell'acqua ed il bordo è fondamentale.

Immaginiamo la vita di una piscina: la gente entra nella piscina alzando il livello dell'acqua (ogni persona, mediamente, sviluppa circa 80 lt di volume), c'è l'evaporazione naturale e ci sono le piogge.
Due fenomeni che si verificano al di là della nostra volontà.

Lo skimmer è pieno di acqua per metà della sua altezza.
Questo fa sì che c'è una tolleranza di tempo per il reintegro necessario, e fa sì che, durante un acquazzone, il livello dell'acqua si alzi ma rimanga sempre all'interno della piscina.

Nella piscina a sfioro questo tipo di tolleranza non esiste.
L'acqua è sempre piena al massimo.

Se una persona entra in acqua, questa tracima nel canale.
Ma che fine fa l'acqua che va nel canale?

Immaginiamo insieme il percorso: l'acqua va nel canale dove sono posizionate una o più scarichi.

Con una tubazione l'acqua va a finire in una stanza, detta "vasca di compenso", piena per metà.
La pompa prende l'acqua dalla vasca di compenso, la porta al filtro e poi entra in piscina dalle bocchette di immissione, che, nel caso di piscina a sfioro, sono posizionate a pavimento.
Immaginiamo che nella piscina a sfioro il movimento dell'acqua è "verticale" (le bocchette sono a pavimento e spingono l'acqua in su, mandandola nel canale di sfioro), mentre nella piscina a skimmer il movimento dell'acqua è orizzontale (gli skimmer aspirano lo sporco presente sulla superficie e quello immediatamente sotto la superficie, e le bocchette di immissione spingono in senso orizzontale l'acqua).

Nelle piscine a sfioro, la presenza della vasca di compenso è necessaria.
Quando le persone entrano in acqua, l'acqua in eccesso va a depositarsi nella vasca di compenso per essere rimessa in piscina non appena le persone escono dalla piscina.
Quando l'acqua di superficie evapora (in alcune zone d'italia, nei massimi periodi d'estate, il fenomeno è rilevante, sino a 2 cm al giorno), la metà della vasca di compenso sempre piena immette acqua in piscina ed il livello è sempre perfetto.
Quando piove, la piscina raccoglie l'acqua piovana che va a depositarsi nella vasca di compenso che è sempre piena a metà, alzando il livello all'interno della vasca di compenso.

Le piscine a tracimazione, come abbiamo detto prima, sono un ibrido tra le due metodologie di costruzione: l'acqua va a finire sempre in un canale di sfioro che viene convogliata sempre in una vasca di compenso, ma il canale di sfioro è solo su di un lato, massimo due.

Cosa vuol dire questo? un notevole risparmio economico perchè, la messa a livello del canale di sfioro è molto complessa.

L'acqua, (purtroppo per qualcuno!!) è assolutamente diritta, e cade sempre nel punto più basso.

Una cattiva messa in opera del profilo di sfioro fa sì che l'acqua cada solamente da alcuni punti e non da tutti.

Riassumiamo, ora, brevemente, le differenze sostanziali tra le tre tipologie di piscine: skimmer, sfioro, tracimazione.

SKIMMER: è il metodo più semplice. la piscina e la sala filtri.

SFIORO: bisogna realizzare la piscina, il canale di sfioro lungo TUTTO il perimetro, la vasca di compenso e la sala filtri. la vasca di compenso, essendo piena di acqua, ha le stesse caratteristiche di una piscina: deve essere in cemento armato ed impermeabilizzata.

TRACIMAZIONE:
tracimazione mail.png
bisogna realizzare la piscina, il canale di sfioro lungo UN SOLO lato del perimetro della piscina, la vasca di compenso e la sala filtri.
Anche in questo caso la vasca di compenso deve essere in cemento armato ed impermeabilizzata.

Di solito, quando ci si sofferma sui costi per la realizzazione di una piscina, non tutti immaginano che la differenza di prezzo che c'è tra i vari tipi di piscina consiste nella complessità della sua costruzione.

Un altro dettaglio: la sala filtri e la vasca di compenso devono essere sempre sotto il livello dell'acqua.

Questo è l'unico punto fermo del mondo delle piscine: le pompe funzionano solamente se tutta la tubazione è sempre piena di acqua, quindi la pompa stessa deve essere SEMPRE posizionata sotto il livello dell'acqua.

Non è necessario metterla al livello del punto più profondo di una piscina: basta che sia almeno mezzo metro sotto il livello dell'acqua.
Per poter visualizzare o scaricare gli allegati devi essere un utente registrato ed autenticato.
Avatar utente
laura leucci
Site Admin
 
Messaggi: 343
Iscritto il: mar 06 mar 2012, 00:01

Torna a Progettazione della piscina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite