Apertura di una piscina in primavera

Piccoli impegni quotidiani per vivere una piscina con confort

Apertura di una piscina in primavera

Messaggioda laura leucci » mer 07 mar 2012, 18:53

Apertura di una piscina in primavera.

Se avete effettuato correttamente le operazioni di svernamento e controllato con regolarità le condizioni della piscina durante la brutta stagione, la sua rimessa in funzione sarà relativamente semplice e veloce da effettuare.

Viceversa, se le operazioni di svernamento sono state fatte in maniera approssimativa, se la piscina è rimasta in stato di abbandono, o se ritardate troppo la messa in funzione la filtrazione (temperatura dell’acqua superiore a 10°), rischiate di trovarvi uno stagno con una vera e propria proliferazione di alghe che non sarà facile eliminare.

La rimessa in funzione ed il trattamento dell’acqua si devono effettuare il più presto possibile dopo i grandi freddi e necessariamente quando la temperatura dell’acqua raggiunge i 12°.

Questo eviterà il lavoro, noioso e costoso, di recuperare un’acqua “putrida” o di svuotare e pulire la piscina.

Rimontate e mettere in funzione secondi il normale regime l’impianto non appena sono finiti i grandi freddi.

Spazzolate le pareti e passate l’aspiratore sul fondo per eliminare gli eventuali depositi di sporco.

Abbassate leggermente il livello della piscina e pulite l'antipatica striscia nera che si forma lungo la linea dell'acqua.

Fate risalire il livello e rimettete al loro posto tutti gli accessori che erano stati smontati prima dell’inverno.

Mantenete la piscina pulita e l’igiene dell’acqua aumentando gradualmente la durata della filtrazione ed il dosaggio dei vari prodotti proporzionalmente all’aumento della temperatura (vedi tabella precedente).

Eseguite i trattamenti dell’acqua seguendo le modalità descritte per la prima messa in funzione della piscina.

AVVERTENZA: in primavera quando la temperatura esterna raggiunge i 18°, è necessario eseguire uno svuotamento parziale della piscina pari al 30-40% del volume complessivo.

Ciò Vi consentirà di eliminare pericolose concentrazioni di residui chimici apportati durante i trattamenti precedenti e renderà più facile il mantenimento della stabilità dei vari parametri dell’acqua garantendo una buona conservazione del liner e dei colori.

Potrete eseguire l’operazione con il tubo della scopa aspirante utilizzando per lo svuotamento a gravità (come per le damigiane di vino) oppure servendovi di una pompa sommersa.

Svuotate la vasca tramite la presa di fondo, se la piscina ne è equipaggiata.

Per quanto riguarda i tempi di filtrazione, è consigliabile seguire questa tabella:

Temperatura dell’acqua Filtrazione quotidiana
20° 8 ore
18° 6 ore
16° 5 ore
14° 4 ore
12° 3 ore
10 a -5° 2 ore
da -5 a -10 6 volte x 1 ora


PULIZIA DELLA PISCINA a vasca vuota

Se abbiamo avuto la piscina vuota d'inverno (non consigliabile), o se l'impianto di filtrazione non è stato acceso, ci troviamo davanti alla necessità di svuotare dalla fanghiglia formata ed a disincrostare la piscina dal calcare che è precipitato attaccandosi a pareti e fondo.

Allo scopo di ottenere un buon risultato futuro è necessario iniziare con una pulizia disincrostante ed una disinfezione delle superfici della vasca.

Se questo lavoro è fatto a regola d'arte, sarà molto facile che durante l’uso normale, fioriscano macchie di alghe sulle superfici della piscina.

Si consiglia di svuotare la piscina ed eseguire un’accurata pulizia del fondo vasca e pareti, usando un buon detergente che sia anche disincrostante.

Solo un buon prodotto potrà garantire la pulizia e la disincrostazione calcarea senza rovinare superfici, rivestimenti, tubazioni ed accessori vari.

A pulizia ultimata, è utile applicare su pareti e fondo una soluzione al 10% di un buon prodotto alghicida allo scopo di prevenire la futura crescita di alghe negli angoli e punti più profondi della vostra piscina

È indispensabile eseguire alcune operazioni di manutenzione in modo puntuale e periodico.

Solo se si agisce in modo corretto, si avrà poi la futura certezza che tutto funzioni perfettamente e che l’acqua sarà limpida, sana e cristallina.

Ricordate sempre che un’acqua poco cristallina al 99% è un’acqua inquinata anche batteriologicamente e ciò aumenta enormemente il rischio di malattie ed infezioni varie.
Avatar utente
laura leucci
Site Admin
 
Messaggi: 340
Iscritto il: mar 06 mar 2012, 00:01

Torna a Manutenzione della piscina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite